laureati nel risparmio

a breve faremo come l'asino :

dice il contadino,  parlando del suo asino - "sono tre giorni che non mangia si era quasi abituato, toh! è morto!!!!!"


noi intanto mangiamoci la verza del marinaio........possiamo anche ubriacarci prima ...(sempre in tema di risparmio usiamo il vino da tavola casomai in busta) per dimenticare tanto pare che la verza abbia proprietà di assorbimento dell'alcool pensate che gli antichi romani la usavano come antipasto, loro Sì .... che banchettavano! Noi ci facciamo antipasto, primo, secondo però il dessert no, no ....almeno un cioccolatino......

allora.......


Ingredienti:


  • cavolo verza
  • cipolla rossa
  • olio extravergine di oliva
  • rosmarino 
  • pepe bianco
  • vino bianco
  • sale
  • dado di brodo classico


Preparazione:


 versate in una padella antiaderente un filo di olio fate scaldare, tritate uno spicchio di cipolla rossa e ponetelo a dorare leggermente.

​Lavate il cavolo verza tagliatelo a pezzi ed inseritelo nella pentola innaffiate con del vino bianco,  pepate , aggiungete un rametto di rosmarino, 200 cl di acqua ed un dado.

Lasciate cuocere a fuoco basso per circa 20/25 minuti.

Buon Appetito!!!!!!!























LA VERZA DEL MARINAIO

 povero, povero, povero....


​La Cuoca Birichina